X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 17 gennaio 2021

IMPRESA

Sciogliere la società non è abuso di maggioranza

Secondo la Cassazione, ciò vale anche quando il socio di maggioranza è debitore della società

/ Maurizio MEOLI

Mercoledì, 30 settembre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’esistenza di una posizione debitoria del socio di maggioranza nei confronti della società partecipata non determina, di per sé, il carattere abusivo del proprio voto, ovvero la sussistenza di un conflitto di interessi, rispetto alla decisione di sciogliere la società.
Ad affermarlo è la Cassazione, nella sentenza n. 20625, depositata ieri.

Il caso di specie, in particolare, riguardava una spa “mista” tra un Comune (socio di maggioranza al 51%) e una srl (socia al 49%). Il Comune, che risultava debitore della spa mista per oltre 360.000 euro, a distanza di tre anni dalla costituzione della stessa, non ritenendo raggiunti gli obiettivi di reddito, e non ravvisandone una adeguata economicità di gestione (la spa, anzi, fin da subito aveva registrato perdite), si orientava verso ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU