X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 26 novembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Obbligo di iscrizione alla Cassa edile anche per l’impresa commerciale

/ Daniele SILVESTRO

Mercoledì, 21 ottobre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le aziende operanti nel settore dell’edilizia che hanno alle proprie dipendenze operai, anche apprendisti, sono tenute a iscriversi alla Cassa edile competente per territorio, ovvero competente in relazione al luogo dove viene svolto il lavoro, al fine di garantire agli stessi dipendenti una serie di prestazioni che permettono di evitare una disparità di trattamento rispetto alla generalità dei lavoratori.

Tenuto conto, infatti, della particolarità del settore in questione, caratterizzato dalla marcata stagionalità della produzione e dalla continua mobilità dei lavoratori tra imprese edili, questi ultimi non potrebbero beneficiare di specifiche prestazioni economiche, quali, ad esempio, la tredicesima mensilità, il pagamento delle ferie, gli scatti di anzianità.
Difatti, le Casse edili,

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU