X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 24 novembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

La formazione del lavoratore deve essere sempre aggiornata

L’assegnazione al lavoratore di mansioni diverse rende ancora più rigorosa l’esigenza di assicurare un’idonea formazione sui rischi connessi all’attività

/ Mario PAGANO

Martedì, 20 ottobre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Adibire un dipendente a mansioni ulteriori o differenti rispetto a quelle previste dal contratto modifica i rischi connessi alla sicurezza e comporta l’esigenza di aggiornare e formare nuovamente il lavoratore, secondo quanto previsto in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Questo quanto emerge dalla recente sentenza n. 26813/2020, con la quale la Corte di Cassazione ha confermato la condanna per un datore di lavoro che aveva omesso di assicurare a una propria dipendente una formazione adeguata in materia di sicurezza con riferimento alle mansioni svolte.

La sentenza in commento offre diversi spunti sia per quanto concerne l’ampiezza dell’obbligo formativo in materia di salute e sicurezza, sia per comprendere meglio il meccanismo di estinzione dei reati previsti

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU