X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 28 febbraio 2021

IMPRESA

Approccio «di calendario» per svalutare crediti deteriorati detenuti da banche

I crediti non garantiti vanno svalutati del 100% entro tre anni dalla classificazione a NPE

/ Marco PEZZETTA

Lunedì, 18 gennaio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La rilevazione di una situazione di default secondo la regolamentazione bancaria comporta la classificazione del debito fra le Non Performing Exposures (NPE), così come accade per le sofferenze e gli inadempimenti probabili (UTP). Ciò causa significative conseguenze. Le NPE, infatti, “assorbono” il capitale netto minimo richiesto dal quadro regolamentare agli intermediari finanziari: i crediti deteriorati, infatti, vengono svalutati mediante stanziamento in Conto economico o deduzione diretta, extracontabile, del loro importo dal capitale di rischio comunicato agli stakeholders.

A tal fine le banche devono usare un approcciodi calendario” (c.d. Calendar provisioning), stanziando gradualmente le svalutazioni nel tempo fino al 100% del valore dei crediti deteriorati, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU