X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 9 marzo 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Atti costitutivi di servitù su terreni agricoli con registro al 9%

Recependo le indicazioni della giurisprudenza, l’Agenzia dichiara superate le proprie «vecchie» indicazioni

/ Anita MAURO

Sabato, 16 gennaio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’Agenzia delle Entrate rivede il proprio orientamento in tema di tassazione indiretta dell’atto di costituzione di servitù prediali su terreni agricoli, riconoscendo che tale atto non può scontare l’imposta di registro con l’aliquota del 15%, bensì solo con quella del 9%.

Pertanto, nella risoluzione n. 4, pubblicata ieri, l’Agenzia invita gli uffici territoriali a riesaminare le controversie pendenti su tale tema e ad abbandonare la pretesa tributaria “sempre che non siano sostenibili altre questioni”, ove l’imposta sia stata applicata con l’aliquota del 15%.

Tutto nasce dall’interpretazione dell’art. 1 della Tariffa, Parte I, allegata al DPR 131/86. Tale norma, infatti, al primo periodo, definisce fissandola al 9%, l’aliquota ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU