X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 9 marzo 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

L’indagine universitaria motiva l’accertamento fiscale

Secondo la Cassazione è rispettato il requisito della conoscibilità

/ Alice BOANO

Sabato, 16 gennaio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La nullità dell’accertamento per vizio di motivazione non può essere dichiarata se gli atti richiamati, ancorché non allegati, risultino conoscibili dal contribuente.
A stabilirlo è la Corte di Cassazione mediante l’ordinanza n. 593 depositata ieri, 15 gennaio 2021.

Il caso di specie riguardava un contribuente destinatario di un avviso di accertamento relativo a un accertamento induttivo c.d. extracontabile conseguente alla cessione a terzi di una licenza per esercizio dell’attività di taxi.
Nel quarto motivo di ricorso il ricorrente denunciava la violazione e la falsa applicazione degli artt. 7 della L. 212/2000, 42 del DPR 600/73 e 3 della L. 241/90 ritenendo carente la parte motiva dell’accertamento. In particolare, il valore della cessione era stato determinato dall’ufficio ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU