X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 1 marzo 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / FISCALITÀ INTERNAZIONALE

Manovre sul transfer pricing da segnalare nelle comunicazioni DAC 6

Molte delle operazioni di spostamento artificioso dei profitti rientrano tra gli hallmark della direttiva

/ Mario BONO e Gianluca ODETTO

Mercoledì, 20 gennaio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

In attesa della versione definitiva della circolare-quadro dell’Agenzia delle Entrate sugli obblighi di comunicazione imposti dalla direttiva 2018/822/Ue (c.d. “DAC 6”), uno dei profili di maggiore attenzione per la valutazione delle operazioni potenzialmente a rischio da “notificare” all’Agenzia stessa riguarda i prezzi di trasferimento. Almeno due dei tipi di elementi distintivi (hallmark) contemplati dalla direttiva stessa, e di riflesso dal DLgs. 100/2020, possono infatti ingenerare l’obbligo di comunicazione, stando almeno alle esemplificazioni della bozza di circolare rilasciata lo scorso 28 dicembre 2020: si tratta degli elementi distintivi dei gruppi B ed E.

Gli hallmark di tipo E sono quelli che direttamente attengono alle politiche aggressive ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU