X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 14 aprile 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Sterilizzati gli effetti delle perdite sul capitale per cinque anni

Spetta agli amministratori verificare se sia ravvisabile la sussistenza della continuità aziendale e ai sindaci controllare la congruenza delle loro scelte

/ Pier Luigi MORARA

Giovedì, 4 febbraio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il comma 266 dell’art. 1 della legge di bilancio 2021 (L. 178/2020) dispone la sterilizzazione degli obblighi connessi all’emersione di perdite generate nell’esercizio 2020, sia ai fini degli obblighi di ripianamento, sia in relazione all’operatività dello scioglimento per perdita del patrimonio. Le perdite 2020 erano già state “sterilizzate” dall’art. 6 del DL 23/2020 convertito, che aveva neutralizzato la causa di scioglimento fino al 31 dicembre 2020: è ragionevole pensare che la mancata proroga di questa previsione avrebbe generato – a partire dal 1° gennaio 2021 – uno sconquasso di rilevanti proporzioni e quindi la proroga di questa previsione è stata sicuramente razionale rispetto all’esigenza di contenere l’impatto della pandemia

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU