X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 6 marzo 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Servizi ricevuti dal Regno Unito con nuovi obblighi documentali

Dal 2021 l’autofattura ha sostituito l’obbligo di integrazione della fattura ricevuta

/ Emanuele GRECO e Simonetta LA GRUTTA

Giovedì, 4 febbraio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Tra i principali effetti, in ambito IVA, del perfezionarsi della Brexit dal 1° gennaio 2021 vi è il mutamento degli obblighi documentali per le prestazioni di servizi generiche che i soggetti passivi italiani ricevono da operatori economici del Regno Unito.
Per le suddette prestazioni di servizi, in quanto rese da soggetti non stabiliti in Italia nei confronti di soggetti passivi ivi stabiliti, è richiesta l’applicazione dell’IVA con il meccanismo del reverse charge (art. 17 comma 2 del DPR 633/72).
Tuttavia, come detto, gli obblighi in capo al committente italiano sono mutati per effetto della conclusione del periodo transitorio, avvenuta il 31 dicembre 2020: sino a tale data, i servizi ricevuti da soggetti passivi stabiliti in Italia erano documentati mediante integrazione della ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU