X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 18 giugno 2021 - Aggiornato alle 6.00

PROFESSIONI

Norme antiriciclaggio non applicabili se il professionista è delegato del giudice

Lo studio del Notariato evidenzia il caso della vendita forzata e competitiva in sede concorsuale

/ Stefano DE ROSA

Mercoledì, 27 gennaio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

In sede di vendita forzata e di vendita competitiva (in sede concorsuale) non risulta applicabile la normativa antiriciclaggio. A tale conclusione giunge il Consiglio Nazionale del Notariato nello Studio n. 45-2020/E_3-2020/B, evidenziando che, in tali circostanze, il professionista non agisce in quanto tale ma come delegato del giudice, eccettuata la peculiare ipotesi della vendita competitiva che si concluda (non con decreto di trasferimento del giudice ma) con atto notarile.

Nelle premesse del documento viene indicato come le procedure di espropriazione forzata immobiliare siano state di recente interessate da una problematica di indubbio rilievo, attinente alla applicabilità o meno della normativa antiriciclaggio, anche con riferimento all’acquisto di un determinato bene immobile o

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU