X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 6 marzo 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Tardiva dichiarazione da ravvedere entro il 10 marzo

Per la tardività bisogna pagare 25 euro

/ Alfio CISSELLO e Massimo NEGRO

Sabato, 20 febbraio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Ai sensi dell’art. 13 comma 1 lett. c) del DLgs. 472/97, la tardiva dichiarazione può essere ravveduta solo entro novanta giorni dal termine ultimo per la sua presentazione, con riduzione a 1/10 del minimo della sanzione da omessa dichiarazione.

Tale previsione va letta in sintonia con l’art. 2 comma 7 del DPR 322/98, secondo cui: “Sono considerate valide le dichiarazioni presentate entro novanta giorni dalla scadenza del termine, salva restando l’applicazione delle sanzioni amministrative per il ritardo. Le dichiarazioni presentate con ritardo superiore a novanta giorni si considerano omesse, ma costituiscono, comunque, titolo per la riscossione delle imposte dovute in base agli imponibili in esse indicati e delle ritenute indicate dai sostituti d’imposta”.

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU