X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 10 aprile 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Dichiarazione infedele poco cara se sanata entro il 10 marzo

Sanzioni fisse e non proporzionali

/ Alfio CISSELLO e Massimo NEGRO

Lunedì, 1 marzo 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’errore dichiarativo commesso dal contribuente che si sostanzia nella determinazione di una minore imposta integra la violazione di dichiarazione infedele, punita dall’art. 1 del DLgs. 471/97 con una sanzione base dal 90% al 180% delle imposte.
Praticamente infinite sono le fattispecie dalle quali, a cascata, può derivare l’infedeltà della dichiarazione: per citare le più frequenti, si pensi alla mancata indicazione di ricavi o alla deduzione di costi in violazione della competenza fiscale, non inerenti oppure non documentati.

Secondo l’Agenzia delle Entrate (cfr. da ultimo la circolare n. 42 del 12 ottobre 2016), se la dichiarazione infedele viene ravveduta entro novanta giorni dal termine di presentazione, ai soli fini del ravvedimento operoso la sanzione da ridurre ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU