X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 7 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Nel quadro VX la destinazione del credito IVA maturato nel 2020

Per i rimborsi e le compensazioni in F24 occorre tenere conto delle specifiche condizioni previste

/ Mirco GAZZERA e Massimo NEGRO

Lunedì, 22 febbraio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Mediante la compilazione del quadro VX della dichiarazione IVA per il 2020, il soggetto passivo può destinare l’eventuale credito maturato in tale periodo d’imposta:
- a rimborso, se sussiste almeno una delle fattispecie previste dagli artt. 30 comma 2 (es. aliquota media) o 34 comma 9 del DPR 633/72 (rigo VX4);
- a riduzione del debito IVA risultante dalle liquidazioni periodiche del 2021 (rigo VX5);
- all’utilizzo in compensazione nel modello F24 (rigo VX5);
- alla cessione ai fini della compensazione dell’IRES dovuta dalla consolidante, nel caso si tratti di un soggetto che ha optato per il consolidato fiscale previsto dagli artt. 117 e ss. del TUIR (rigo VX6).

In particolare, ai sensi dell’art. 38-bis del DPR 633/72, i rimborsi IVA d’importo pari o inferiore ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU