X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 7 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Rimessa alla Corte costituzionale la decisione sulla pubblica udienza

Dovrà pronunciarsi sulla legittimità dell’art. 33 del DLgs. 546/92 che subordina la pubblica udienza alla richiesta delle parti

/ Caterina MONTELEONE

Venerdì, 26 febbraio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con l’ordinanza 7 gennaio 2021 n. 11 la C.T. Prov. Catania ha sospeso il giudizio e trasmesso gli atti alla Corte costituzionale, chiedendo che venga dichiarata l’incostituzionalità dell’art. 33 del DLgs. 546/92 nella parte in cui subordina lo svolgimento della pubblica udienza alla richiesta di almeno una delle parti, prevedendo quindi come regola la trattazione in camera di consiglio e permettendo, in tal modo, che il contraddittorio si svolga attraverso lo scambio di memorie ogniqualvolta nessuna delle parti chieda la pubblica udienza.

L’eccezione è stata sollevata dai giudici nell’ambito di una controversia trattata in camera di consiglio poiché nessuna delle parti aveva chiesto la trattazione in pubblica udienza.

Secondo i giudici, l’art. 33 in esame è ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU