X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 10 aprile 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Delitto di riciclaggio speciale rispetto a quello di ricettazione

Elemento specializzante è la ricezione di un bene di provenienza illecita finalizzata a ostacolare l’identificazione della sua origine con la «ripulitura»

/ Maria Francesca ARTUSI

Sabato, 6 marzo 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nell’ambito di una serie di forniture di oro e oggetti preziosi, caratterizzate da anomale modalità di pagamento, la Corte di Cassazione coglie l’occasione per ribadire alcuni principi in materia di ricettazione e di riciclaggio.
Si tratta della pronuncia n. 9102, depositata ieri, in cui uno dei principali temi affrontati attiene all’elemento soggettivo del reato di ricettazione previsto dall’art. 648 c.p. e delle garanzie processuali relative al diritto al silenzio riguardo all’effettiva provenienza dei beni.

In proposito, viene affermato che la prova dell’elemento soggettivo può essere raggiunta anche sulla base dell’omessa o non attendibile indicazione della provenienza della cosa ricevuta, che costituisce prova della conoscenza dell’illecita ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU