X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 28 novembre 2021

IMPRESA

Allerta IVA per la crisi d’impresa differita al 2023

La bozza del DL Sostegni dispone la proroga per l’Agenzia delle Entrate, ma lascia invariati i termini a carico di INPS e Agente della Riscossione

/ Michele BANA

Lunedì, 8 marzo 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 15 comma 1 del DLgs. 14/2019, recante il “Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza”, in vigore dal 1° settembre 2021 (art. 5 del DL 23/2020), pone alcuni obblighi di segnalazione a carico dell’Agenzia delle Entrate, dell’INPS e dell’Agente della Riscossione (c.d. creditori pubblici qualificati), per i primi due soggetti a pena di inefficacia del titolo di prelazione spettante sui crediti dei quali sono titolari, e per il terzo a pena di inopponibilità del credito per spese e oneri di riscossione. In particolare, tali enti devono avvisare l’imprenditore – all’indirizzo di posta elettronica certificata di cui siano in possesso o, in mancanza, mediante raccomandata con avviso di ricevimento inviata al recapito risultante ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU