X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 17 maggio 2021 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

L’accomodamento ragionevole è una condizione di legittimità del recesso

In caso di licenziamento di un lavoratore disabile divenuto inidoneo non valgono gli ordinari criteri in materia di repêchage

/ Giada GIANOLA

Mercoledì, 10 marzo 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

In caso di impugnazione di un licenziamento per sopravvenuta inidoneità fisica alla mansione di un lavoratore disabile, sul datore di lavoro grava una serie di oneri probatori, dovendo lo stesso dimostrare il venir meno dell’interesse alla prosecuzione del rapporto di lavoro in relazione alle ragioni inerenti all’organizzazione e al regolare funzionamento dell’attività ai sensi dell’art. 3 della L. 604/66, l’impossibilità di ricollocare il dipendente in altre posizioni lavorative, anche inferiori, compatibili con il suo stato di salute (il c.d. obbligo di repêchage) nonché l’adempimento dell’obbligo di accomodamento ragionevole.
La Corte di Cassazione lo ha ribadito con la sentenza n. 6497 pubblicata ieri, con la quale è stata inoltre fornita la corretta ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU