X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 7 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Resta l’occultamento con consegna successiva delle scritture contabili

Il momento consumativo del reato coincide, comunque, con il verificarsi dell’impossibilità di ricostruire i redditi o il volume d’affari

/ Maria Francesca ARTUSI

Mercoledì, 17 marzo 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Permane la responsabilità penale per l’occultamento delle scritture contabili anche se la documentazione viene consegnata in un secondo momento all’Agenzia delle Entrate.
Tale è la conclusione che si può trarre dalla sentenza n. 10106 della Corte di Cassazione, depositata ieri.

L’amministratore unico di una società era, infatti, stato condannato per il reato di distruzione o occultamento di documenti contabili previsto dall’art. 10 del DLgs. 74/2000, in quanto, al momento del controllo della Guardia di Finanza, non erano state esibite le scritture contabili obbligatorie per l’anno di imposta 2011 e l’imputato non aveva fornito nessun elemento di giustificazione per tale mancata consegna.
Tuttavia, la documentazione richiesta veniva consegnata in un momento ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU