X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 22 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Omesso versamento IVA anche con il concordato preventivo

Il debito tributario pregresso alla procedura concordataria prevale sulla tutela della par condicio creditorum

/ Sandro GUERRA

Mercoledì, 17 marzo 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

In presenza di una crisi di liquidità dell’impresa, la giurisprudenza tende a ritenere che l’inadempimento dell’obbligazione tributaria possa essere attribuito a forza maggiore quando derivi da fatti non imputabili all’imprenditore, il quale non abbia potuto porvi rimedio per cause indipendenti alla sua volontà e che sfuggano al proprio dominio, sempre che siano state adottate tutte le iniziative necessarie a provvedere alla corresponsione del tributo, ivi compreso il ricorso a misure sfavorevoli al patrimonio personale dello stesso (Cass. 15 settembre 2020 n. 25982).
La forza maggiore, viceversa, non può essere invocata per escludere il dolo quando l’omesso versamento sia frutto di una libera scelta dell’imprenditore che decida di destinare i flussi di cassa

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU