X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 7 maggio 2021 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Tutela contro condotte antisindacali anche per rider e shopper

Nella giurisprudenza di merito si sono registrate due opposte pronunce sul tema

/ Gaetano GIANNÌ

Mercoledì, 14 aprile 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

È passato poco più di un mese dal discusso decreto del Tribunale di Firenze, che ha rigettato un ricorso per condotta antisindacale proposto da alcuni sindacati dei rider, e già una nuova pronuncia, del 28 marzo 2021, questa volta del Tribunale di Milano afferma principi giuridici diametralmente opposti, criticando esplicitamente il precedente di segno contrario.

In questo caso, le tre sigle sindacali che hanno proposto il ricorso non rappresentano rider ma “shopper”, lavoratori adibiti a una ulteriore forma di “lavoretto” gestito da una piattaforma digitale (in pratica si occupano di reperire e consegnare la spesa che i clienti acquistano via internet). Ma da un punto di vista giuridico le due figure sono analoghe, perché assimilabili a rapporti di collaborazione continuativa.

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU