Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 18 maggio 2022 - Aggiornato alle 6.00

PROFESSIONI

L’analisi aumentata stravolge il ruolo di manager e professionisti

Nuove frontiere per la business intelligence 4.0 nell’era dell’intelligenza artificiale

/ Paolo BIANCONE, Paolo MESSINA e Silvana SECINARO

Venerdì, 16 aprile 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

 Il processo decisionale delle aziende è ormai “vittima” della crescita esponenziale delle informazioni da analizzare e richiede strumenti tecnologici avanzati. Dando uno sguardo ai numeri, il 2020 ha registrato 32 miliardi di dispositivi connessi alla rete, che hanno prodotto 44 trilioni di gigabyte di dati, cioè più di 5.200 gigabyte pro capite.

I dati rappresentano un patrimonio di informazioni da analizzare e utilizzare per le scelte di amministrazione razionale e sono pertanto oggetto di interesse per la nuova Business intelligence, considerato che l’eccesso di dati a disposizione in rete porta all’incapacità di formulare le giuste domande, senza contare la quantità di informazioni irrilevanti o fuorvianti ai fini delle decisioni di business.

A questo problema ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU