X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 18 giugno 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Fallimento e riassunzione del processo dalla conoscenza dell’interruzione

La dichiarazione giudiziale di interruzione deve essere portata a conoscenza di ciascuna parte

/ Antonio NICOTRA

Lunedì, 17 maggio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’apertura del fallimento determina l’automatica interruzione del processo, ex art. 43 comma 3 del RD 267/42. La norma, tuttavia, non indica l’evento dal quale decorre il termine per la riassunzione tempestiva, ex art. 305 c.p.c., a opera della parte alla quale il fatto interruttivo non si riferisce, per non incorrere nell’estinzione del giudizio.

In ciò, la disciplina del DLgs. 14/2019, in vigore dal 1° settembre 2021, si differenzia dall’attuale legge fallimentare, precisando, all’art. 143 comma 3, che “L’apertura della liquidazione giudiziale determina l’interruzione del processo. Il termine per la riassunzione del processo interrotto decorre da quando l’interruzione viene dichiarata dal giudice”.

I differenti orientamenti sull’individuazione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU