X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 30 luglio 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / TUTELA DEL PATRIMONIO

Cessione dell’usufrutto immobiliare nell’alveo dei redditi diversi

Ai fini delle imposte sui redditi, la qualificazione di questa fattispecie presenta ancora alcuni dubbi

/ Gabriele GIARDINA

Venerdì, 18 giugno 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il ricorso ai diritti reali di godimento rappresenta, specie con riferimento al comparto dei beni immobili, un meccanismo consolidato e lineare di pianificazione successoria: tipicamente, la scissione della piena proprietà, con attribuzione dei diritti di usufrutto e di nuda proprietà in capo a familiari diversi consente, al decesso dell’usufruttuario, l’estinzione del relativo diritto e la correlata, automatica “riespansione” della piena proprietà in capo al nudo proprietario, senza che si verifichino effetti impositivi.
I diritti reali possono essere, purtuttavia, oggetto di circolazione a titolo oneroso, ed in tal caso sono da comprendere le relative ricadute reddituali.

Concentrando l’analisi al solo diritto di usufrutto, ed alle transazioni su di esso poste ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU