X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 7 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Inammissibilità dell’appello principale impugnabile dall’appellante incidentale tardivo

/ Alfio CISSELLO

Lunedì, 28 giugno 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nell’appello tributario, così come in quello civile, assume notevole importanza la distinzione tra appello incidentale tempestivo e appello incidentale tardivo.
In breve, l’appello incidentale va, a pena di inammissibilità, depositato nei sessanta giorni dalla ricezione dell’appello principale. Se questo termine, in ogni caso, non viene rispettato, c’è come detto l’inammissibilità dell’appello incidentale.

Si tratta di un istituto diverso dalla tempestività dell’appello incidentale.
L’appello incidentale si dice tempestivo quando è proposto nei termini di impugnazione della sentenza (sei mesi dal deposito della sentenza, oppure sessanta giorni dalla notifica della sentenza), mentre è tardivo quando è depositato oltre.
A differenza dell’appello

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU