X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Impiego del provento del riciclaggio punito anche con beni identificabili

Conta il solo fatto che un soggetto abbia impiegato in attività economico-finanziarie beni che derivano da una previa condotta di riciclaggio

/ Maria Francesca ARTUSI

Martedì, 22 giugno 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Per la Cassazione è punibile il riutilizzo dei beni che derivano dal riciclaggio a prescindere dalla volontà di ostacolare l’identificazione della provenienza degli stessi.

Nel procedimento esaminato dalla Suprema Corte nella sentenza n. 24273 depositata ieri, il titolare (“di fatto”) di una scuderia era imputato per il reato di impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita per aver impiegato nell’attività economica tre cavalli da corsa di provenienza illecita (art. 648-ter c.p.).
Tale norma punisce chi impiega in attività economiche o finanziarie denaro, beni o altre utilità provenienti da delitto, alla condizione che non abbia concorso nel reato da cui tali utilità derivano e che la condotta non possa essere qualificata come ricettazione (art. 648 c.p.) o ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU