X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 24 ottobre 2021

FISCO

Censurabili vizi di merito per cartelle di pagamento da liquidazione automatica

Tali cartelle sono definibili ex art. 6 del DL 119/2018 ed è possibile emendare errori dichiarativi in giudizio

/ Michele IAVAGNILIO

Martedì, 6 luglio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La sentenza n. 18298/2021 della Cassazione a Sezioni Unite ha finalmente chiarito che le liti riguardanti le cartelle di pagamento sono, in principio, definibili ai sensi dell’art. 6 del DL 119/2018.
È bene evidenziare che il requisito oggettivo per l’accesso alla definizione è stabilito al primo comma della disposizione sopra citata, che stabilisce quanto segue: “Le controversie attribuite alla giurisdizione tributaria in cui è parte l’Agenzia delle entrate, aventi ad oggetto atti impositivi, pendenti in ogni stato e grado del giudizio, compreso quello in Cassazione e anche a seguito di rinvio, possono essere definite, a domanda del soggetto che ha proposto l’atto introduttivo del giudizio o di chi vi è subentrato o ne ha la legittimazione (…)”.

Il punto nodale ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU