X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 28 novembre 2021

IL CASO DEL GIORNO

Libertà di forma per il provvedimento di trasferimento

/ Giada GIANOLA

Sabato, 14 agosto 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

A differenza del provvedimento di licenziamento, per il quale la legge, e più precisamente l’art. 2 della L. 604/66, richiede sia la forma scritta a pena di inefficacia, sia la contestuale specificazione dei motivi che lo hanno determinato, il provvedimento di trasferimento non deve rivestire una particolare forma e il datore di lavoro non è tenuto a indicare i motivi che lo giustifichino.
Si ricorda a tal fine che il trasferimento consiste in un mutamento definitivo del luogo di lavoro, che può essere disposto dall’azienda per comprovate ragioni tecniche, organizzative e produttive (art. 2103 c.c.).

Sebbene il provvedimento debba essere fondato nel merito, dal punto di vista formale è adottabile dalle aziende senza particolari vincoli, nel rispetto del principio della libertà di ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU