X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 20 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Istanza di conciliazione da reiterare per le procedure di licenziamento

Alla luce del venir meno del divieto di licenziamento per determinati settori l’INL fornisce istruzioni per la riattivazione delle commissioni di conciliazione

/ Mario PAGANO

Martedì, 20 luglio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le aziende che avevano in corso procedure di licenziamento per giustificato motivo oggettivo, sospese in ragione di quanto a suo tempo previsto dall’art. 46 del DL 18/2020, sono tenute a ripresentare una nuova istanza di conciliazione di cui all’art. 7 della L. 604/1966.
Questo è quanto chiarito dall’Ispettorato nazionale del lavoro (INL) che, con la nota n. 5186/2021, ha fornito chiarimenti ai propri uffici circa la fase di riattivazione delle procedure conciliative connesse ai licenziamenti il cui divieto, seppur in modo alquanto articolato, è venuto meno a certe condizioni.

La complessità della normativa in questione è ben riassunta dalla nota in commento, con la quale l’Ispettorato cerca di tracciare un quadro di insieme sulla concreta operatività del divieto selettivo

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU