X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 25 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / PROCEDURE CONCORSUALI

Chiusura del fallimento con liti passive pendenti legata all’accantonamento

Rileva la distinzione tra i giudizi di opposizione che beneficiano dell’accantonamento e quelli esclusi

/ Tommaso NIGRO

Giovedì, 29 luglio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La norma relativa alla chiusura delle procedure fallimentari, declinata all’art. 118 RD 267/42, è stata, con l’intervento di riforma di cui all’art. 7 del DL 83/2015, notevolmente incisa con la finalità di eliminare quei vincoli che costituivano impedimento a una più rapida definizione del procedimento concorsuale. Il che ha, forse inconsapevolmente, sollecitato un rinnovato interesse anche per le c.d. “liti passive”, con un’attenzione che, però, non trova piena giustificazione atteso che, a ben vedere, il sistema regolatore della chiusura delle procedure in pendenza di soli contenziosi passivi era già pienamente strutturato e operante.

Isolando, dunque, questa singola problematica si tratta di comprendere se, e a quali condizioni, il fallimento possa essere ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU