X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 25 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Patrimonio segregato nei rami degli enti religiosi ETS

Approvato definitivamente dal Senato il Ddl. di conversione del DL 77/2021, che modifica l’art. 4, comma 3 del Codice del Terzo settore

/ Luciano DE ANGELIS

Giovedì, 29 luglio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Per le obbligazioni contratte a seguito delle attività rientranti nel Terzo settore, i rami degli enti religiosi risponderanno nei limiti del patrimonio destinato. Ciò varrà anche nei casi in cui l’ente ecclesiastico facesse assumere al ramo onlus la qualifica di impresa sociale.
Per i rami degli enti religiosi sarà inoltre ammissibile, così come per gli altri enti del Terzo settore, l’esercizio di attività diverse.
È quanto inserito nel Ddl. di conversione del DL 77/2021, recante “Governance del Piano nazionale di ripresa e resilienza e prime misure di rafforzamento delle strutture amministrative e di accelerazione e snellimento delle procedure”, approvato definitivamente ieri dal Senato con voto di fiducia.

Il tema, in questi ultimi anni foriero di molti dibattiti ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU