X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 26 settembre 2021 - Aggiornato alle 11.50

LAVORO & PREVIDENZA

Legittima la sospensione del lavoratore che rifiuta il vaccino

Il Tribunale di Roma si è pronunciato sul caso di un dipendente che ha ricevuto, a causa del rifiuto, un giudizio di idoneità con limitazione

/ Giosafat RIGANÒ

Venerdì, 30 luglio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con l’ordinanza del 28 luglio 2021, il Tribunale Sez. Lavoro di Roma ha dichiarato la legittimità della sospensione dal lavoro e dalla retribuzione disposta dal datore nei confronti di un dipendente che si era rifiutato di vaccinarsi.

È da evidenziare la particolarità del caso, in quanto la sospensione dal lavoro e dalla retribuzione, oggetto della verifica giudiziale, è stata disposta dal datore di lavoro nei confronti di personale per il quale non è stato introdotto dal legislatore l’obbligo di vaccinazione gratuita anti COVID-19 (obbligo previsto, invece, per gli esercenti le professioni sanitarie e gli operatori di interesse sanitario che svolgono la loro attività nelle strutture sanitarie, sociosanitarie e socio-assistenziali, pubbliche e private, nelle farmacie, nelle parafarmacie ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU