X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 28 novembre 2021

IL PUNTO / TUTELA DEL PATRIMONIO

Plusvalenze immobiliari nelle cessioni rateali con tassazione diversificata

Nella vendita a rate rileva la presenza della riserva di proprietà disciplinata dagli artt. 1523-1526 c.c.

/ Gabriele GIARDINA

Venerdì, 3 settembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La tassabilità ai fini IRPEF delle plusvalenze immobiliari conseguite da persone fisiche nella loro veste privata (disciplinata dall’art. 67, comma 1, lett b) del TUIR), ingenera specifiche riflessioni in relazione a una peculiare tipologia di transazione: la vendita a rate, con o senza patto di riservato dominio.

Tralasciando di considerare le esimenti da tassazione, relative all’utilizzo del bene come abitazione principale e alla sua provenienza successoria, occorre infatti definire le corrette modalità di computo del quinquennio intercorrente tra l’acquisto e la cessione del bene, così da stabilire se la plusvalenza risulti assoggettata ad imposta.

La vendita a rate con riserva di proprietà risulta disciplinata dagli artt. 1523-1526 c.c., e si sostanzia in un contratto in ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU