X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 26 settembre 2021 - Aggiornato alle 11.50

LETTERE

È fondamentale dare grande attenzione alla rilevanza dell’equilibrio di genere

Lunedì, 30 agosto 2021

x
STAMPA

Spettabile Redazione,
come riportato su Eutekne.info (si veda “Elezioni dei commercialisti con quote rosa, ma solo nelle liste” del 26 agosto 2021) è stato precisato dal Consiglio Nazionale che il regolamento elettorale riadottato dopo la sentenza del TAR ha solo il compito di tutelare il genere meno rappresentato garantendo le pari opportunità ma non la sicurezza del risultato perseguito.

È comunque un’occasione preziosa quella che ci è offerta per fare in modo che sempre più Colleghe partecipino alla vita degli Ordini per rappresentare tutta la categoria e non un genere.

I dati dell’ultimo bilancio di genere pubblicato nel 2019 dal Consiglio Nazionale ci dicono che abbiamo molto lavoro davanti. Nonostante la sostanziale parità numerica tra i due generi negli iscritti al Registro dei praticanti, nelle precedenti elezioni abbiamo avuto solo 14 Presidenti donna su 131 negli Ordini provinciali e 2 consiglieri donna su 21 nel Consiglio nazionale.

È quindi fondamentale dare grande attenzione senza esitazione alla rilevanza dell’equilibrio di genere, che nel PNRR rappresenta una delle tre priorità trasversali, non solo grazie ai cambiamenti introdotti per le prossime elezioni, ma in tutte le nostre attività, cominciando dalle cose semplici. Come? Per esempio occorrerebbe modificare i regolamenti per la formazione prevedendo che l’accreditamento possa essere negato a eventi ai quali non partecipino anche donne fra i relatori, richiedendo l’equilibrio di genere in tutti i gruppi di studio e commissioni, rendendo obbligatorio la pubblicazione annuale del bilancio di genere degli Ordini territoriali redatti dai neo costituiti CPO, con l’individuazione di indicatori comuni che permettano di monitorare i risultati raggiunti con le azioni intraprese.

La nostra professione è cambiata e cambierà sempre di più. Se non cambiamo anche noi sarà difficile stare al passo con i tempi e rivendicare un nostro ruolo credibile ed autorevole.


Donatella Vitanza
Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Bologna

TORNA SU