X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 20 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

La donazione esente non erode la franchigia

Rileva la deroga concernente le donazioni registrate gratuitamente o con pagamento dell’imposta fissa a norma degli artt. 55 e 59 del DLgs. 346/90

/ Anita MAURO

Martedì, 31 agosto 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Gli atti di donazione che siano risultati esenti dall’imposta sulle successioni e donazioni in applicazione dell’art. 3 comma 4-ter del DLgs. 346/90 non erodono la franchigia dell’imposta di donazione prevista per il coniuge ed i discendenti dall’art. 2 comma 49 del DL 262/2006. Lo chiarisce l’Agenzia delle Entrate nella riposta ad interpello di ieri, 30 agosto 2021, n. 571.

Si rammenta che l’art. 3 comma 4-ter del DLgs. 346/90 dispone l’esenzione dall’imposta sulle successioni e donazioni per i trasferimenti di aziende, rami d’aziende, partecipazioni sociali e azioni, a favore del coniuge o dei discendenti del disponente, a determinate condizioni.

La disciplina ordinaria (art. 2 comma 49 DL 262/2006), applicabile in assenza di esenzioni o ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU