X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 27 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

ECONOMIA & SOCIETÀ

In attesa della Bce l’inflazione Eurozona sale al 3%

Secondo alcuni operatori il balzo potrebbe indurre ad annunciare una riduzione del ritmo degli acquisti nell’ambito dei programmi Pepp e QE

/ Stefano PIGNATELLI

Martedì, 7 settembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’inflazione della zona euro ad agosto (3% il dato flash tendenziale) è balzata ai massimi di 10 anni (settembre 2011) in contrasto con l’ottimistica stima della Bce sulla crescita dei prezzi e con l’impegno dell’istituto di ignorare un’espansione ritenuta transitoria. Nei 19 Paesi che condividono l’euro, l’inflazione è aumentata al 3% ad agosto dal 2,2% rilevato a luglio, oltre le attese del 2,7% e ben oltre il target della Bce del 2% (segui tassi e valute su www.aritma.eu).

Il balzo è stato stimolato dai costi energetici, ma anche i prezzi dei prodotti alimentari sono aumentati, e si è registrata una crescita insolitamente alta per i prezzi dei beni industriali. Questi numeri probabilmente metteranno la Bce sotto pressione, dopo che la banca centrale ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU