X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 26 settembre 2021 - Aggiornato alle 11.50

FISCO

Gli onorari del professionista si presumono incassati al termine dell’incarico

La prova liberatoria non è considerata prova negativa dalla Cassazione

/ Caterina MONTELEONE

Venerdì, 10 settembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

È legittimo l’accertamento emesso dall’Agenzia delle Entrate sulla base della presunzione che il professionista, una volta portato a termine l’incarico professionale ricevuto, incassi gli onorari pattuiti, ove egli non abbia fornito la prova liberatoria contraria, idonea a dimostrare il mancato incasso.

È questo il principio sancito dalla Corte di Cassazione con la sentenza n. 24255 pronunciata ieri, al termine di un contenzioso avente ad oggetto un atto di accertamento emesso secondo la metodologia analitico-induttiva, che si basa sulla contestazione dell’evasione attraverso l’utilizzo di presunzioni qualificate, ovvero gravi, precise e concordanti, secondo quanto previsto dall’art. 39 comma 1 lett. d) del DPR 600/73, a mente del quale “l’esistenza

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU