X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 1 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Esdebitazione dei soci di snc concessa con riabilitazione

Il giudice può negare il beneficio per fattispecie penali non «coperte» dalla riabilitazione

/ Antonio NICOTRA

Sabato, 11 settembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con l’ordinanza n. 24509 depositata ieri, la Corte di Cassazione è intervenuta in materia di esdebitazione e ha enunciato il principio secondo il quale le disposizioni di cui ai nn. 5 e 6 dell’art. 142 comma 1 del RD 267/42 si pongono tra loro in rapporto di alternatività.
Ne consegue che il giudice dell’esdebitazione – qualora il fallito sia stato condannato in via definitiva per uno dei delitti elencati al n. 6, ma abbia poi conseguito la riabilitazione, o altro provvedimento a essa equiparato – può rigettare la domanda ai sensi del n. 5 solo se taluno dei fatti in esso contemplati, tutti astrattamente configurabili come reato e di cui sia accertata la commissione da parte dell’istante, non abbia formato oggetto di imputazione e non sia quindi compreso fra quelli in

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU