X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 25 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Regime del margine anche per acquisti da non residenti

Il rivenditore di opere d’arte è tenuto a nominare un rappresentante fiscale

/ Corinna COSENTINO e Emanuele GRECO

Martedì, 14 settembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Un soggetto passivo extra Ue che cede oggetti d’arte applicando il regime del margine è tenuto a nominare un rappresentante fiscale in Italia, per effettuare le operazioni ivi territorialmente rilevanti.

Il predetto regime presuppone il rispetto di alcune formalità, ai fini del calcolo dell’imposta, incompatibili con il meccanismo del reverse charge, che impongono la registrazione ai fini IVA in Italia di un soggetto non residente, anche quando il cessionario è un soggetto passivo d’imposta.
Lo ha indicato l’Agenzia delle Entrate nella risposta a interpello n. 582 di ieri, 13 settembre 2021.

Il caso esaminato dall’Amministrazione finanziaria concerne una società di diritto svizzero che acquista (o importa) oggetti d’arte al fine di rivenderli nel territorio ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU