X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 20 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Cedolare al 10% non applicabile se l’associazione non attesta il rent to buy

La concessione in godimento è assimilabile, dal punto di vista fiscale, alla locazione

/ Anita MAURO

Venerdì, 17 settembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Non è possibile applicare l’aliquota ridotta della cedolare secca (10%) prevista per i contratti c.d. “a canone concordato” alla quota di canone prevista dal contratto di rent to buy, in assenza dell’attestazione delle associazioni di categoria firmatarie degli accordi territoriali, anche se essa viene negata dalle associazioni in quanto ritengono il rent to buy non assoggettato alla L. 431/98.
È questa la conclusione cui giunge l’Agenzia delle Entrate nella risposta a interpello n. 597, pubblicata ieri.

In particolare, l’istanza di interpello riguardava la possibilità di applicare l’aliquota ridotta della cedolare secca al contratto di rent to buy di cui all’art. 23 del DL 133/2014.
Va rammentato che l’art. 23 del DL 133/2014 ha disciplinato

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU