X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 1 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Agevolazioni per gli impatriati anche con lo stesso datore di lavoro estero

L’Agenzia delle Entrate riconosce lo «sconto» anche per le prestazioni effettuate da remoto in Italia

/ Gianluca ODETTO

Venerdì, 17 settembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La risposta a interpello n. 596 di ieri, 16 settembre 2021, analizza una situazione che si sta registrando con una certa frequenza nell’ultimo biennio, rappresentata dal ritrasferimento in Italia di persone che lavoravano all’estero con mantenimento del rapporto lavorativo da remoto con la stessa azienda estera presso la quale era in precedenza prevista la prestazione in presenza.

L’esame dell’Agenzia delle Entrate prescinde da considerazioni legate a motivazioni congiunturali (restrizioni COVID) o strutturali che hanno determinato il trasferimento della persona interessata, e giunge alla conclusione per cui a quest’ultima competono le agevolazioni per i lavoratori impatriati (art. 16 del DLgs. 147/2015), le quali si sostanziano nella riduzione del reddito di lavoro

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU