X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 22 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Proroga dei «vecchi» impatriati negata per i contro-esodati non iscritti all’AIRE

Viene valorizzato il dato formale, in contrasto con il nuovo impianto normativo dell’agevolazione

/ Luisa CORSO e Gianluca ODETTO

Venerdì, 17 settembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con risposta ad interpello n. 594 di ieri, 16 settembre 2021, l’Agenzia delle Entrate ha fornito alcuni chiarimenti in merito ai requisiti richiesti ai c.d. “contro-esodati” (art. 2 comma 1 della L. 238/2010) per prolungare di ulteriori cinque anni il regime dei c.d. “vecchi” impatriati.

Tale facoltà è prevista dall’art. 5 comma 2-bis del DL 34/2019, introdotto dall’art. 1 comma 50 della L. 178/2020, il quale stabilisce che, per accedere a tale beneficio, i soggetti interessati:
- devono essere stati iscritti all’AIRE o essere cittadini di Stati membri dell’Unione europea;
- devono avere trasferito la residenza prima del 30 aprile 2019 (termine individuato dal provvedimento attuativo dell’Agenzia delle Entrate 3 marzo 2021 n. 60353); ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU