X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 27 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Dichiarazione di incumulabilità tra pensioni e lavoro autonomo entro il 30 novembre

L’INPS illustra la disciplina definita dal DLgs. 503/92 e fornisce le indicazioni operative per l’adempimento

/ Luca MAMONE

Mercoledì, 22 settembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

I pensionati assoggettati al regime di incumulabilità parziale ex DLgs. 503/92, che nel 2020 hanno svolto attività di lavoro autonomo, dovranno dichiarare all’INPS, entro il prossimo 30 novembre 2021, i redditi conseguiti nella citata annualità.
Lo ha ricordato lo stesso Istituto previdenziale con il messaggio n. 3154/2021, pubblicato ieri, precisando che ai sensi dell’art. 10 del citato DLgs. 503/92, le quote di determinati trattamenti pensionistici a carico dell’Assicurazione generale obbligatoria (AGO) non sono cumulabili con i redditi da lavoro autonomo nella misura del 50% fino a concorrenza dei redditi stessi.

In particolare, il comma 4 prevede che nei casi di cumulo con redditi da lavoro autonomo, i pensionati interessati devono presentare all’Istituto previdenziale ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU