X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Doppia condanna per omessa dichiarazione e bancarotta documentale

Secondo la Corte di Cassazione non sussiste specialità ex art. 15 c.p.

/ Maria Francesca ARTUSI

Mercoledì, 22 settembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il delitto di omessa dichiarazione previsto dall’art. 5 del DLgs. 74/2000 è caratterizzato da un oggetto giuridico e da una condotta completamente distinti da quelli che vengono in considerazione nell’ambito della bancarotta documentale disciplinata dall’art. 216 comma 1 n. 2 del RD 267/1942.

Il primo, infatti, consiste nell’omessa presentazione, essendovi obbligato, di una delle dichiarazioni relative all’imposta sui redditi o sul valore aggiunto, quando l’imposta evasa è superiore, con riferimento a taluna delle singole imposte a  cinquantamila euro. Il fine è quello di evadere le predette imposte.

Il reato fallimentare in questione punisce, invece, chi abbia sottratto, distrutto o falsificato, in tutto o in parte, i libri o le altre scritture contabili o

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU