Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 27 settembre 2022 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / IAS

TFR per i soggetti IAS/IFRS tra diverse regole di contabilizzazione e rilevanza fiscale

Occorre distinguere tra il TFR maturato a partire dal 1° gennaio 2007 e il TFR maturato al 31 dicembre 2006

/ Valeria RUSSO

Lunedì, 4 ottobre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Per individuare la corretta modalità di gestione contabile e fiscale del TFR per i soggetti IAS/IFRS è necessario distinguere tra il TFR maturato a partire dal 1° gennaio 2007 che, per le imprese con almeno 50 dipendenti, è devoluto obbligatoriamente a forme di previdenza complementare o, qualora non sia esercitata alcuna opzione da parte del lavoratore, alle forme pensionistiche collettive previste dai contratti e accordi collettivi o, in mancanza, al fondo di tesoreria istituito presso l’INPS, e il TFR maturato al 31 dicembre 2006 che resta in azienda.

Sotto il profilo contabile, il TFR è rilevato in bilancio in base allo IAS 19 nell’ambito dei post employment benefits e, in particolare, nella tipologia dei “piani a contributi definiti”, per quanto riguarda il TFR

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU