Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 18 maggio 2022 - Aggiornato alle 6.00

CONTABILITÀ

Necessarie attente valutazioni sulle perdite che intaccano il capitale sociale

In molti casi le perdite d’esercizio, oltre a ridurre il patrimonio netto, determinano anche l’insorgere di incertezze sulla continuità aziendale

/ Fabrizio BAVA e Alain DEVALLE

Lunedì, 11 ottobre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con l’avvicinarsi della fine dell’esercizio (per i soggetti “solari”) è opportuno valutare se è necessario un supporto finanziario da parte dei soci, poiché, quantomeno sotto il profilo patrimoniale, un versamento in conto capitale effettuato dopo la data di chiusura non produrrebbe alcun miglioramento della solidità dell’impresa nel bilancio 2021.

È vero che quantomeno per la perdita del capitale 2020 è possibile non ricapitalizzare le società, ma senza qui entrare nel merito delle variegate prese di posizione in dottrina su come debba essere interpretato l’art. 6 del DL 23/2020, a seguito delle modifiche apportate dalla legge di bilancio 2021, prima della chiusura dell’esercizio è opportuno fare alcune attente valutazioni. Ci riferiamo naturalmente ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU