X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 30 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

ECONOMIA & SOCIETÀ

Rialzo dei tassi ufficiali con rischi

Forse il problema a medio termine sarà la continuità della crescita, ma allora alzare i tassi e abbandonare il QE potrebbe essere un errore

/ Stefano PIGNATELLI

Sabato, 23 ottobre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Se l’avvio imminente della riduzione negli acquisti di asset non sembra in discussione, le incertezze sul ritmo della ripresa economica mondiale sollevano domande su quanto sarebbe opportuno un rialzo dei tassi di interesse a fronte dell’inflazione alta.

I prossimi mesi saranno critici per capire se la fiammata dell’inflazione sia transitoria. Il tasso di inflazione breakeven a 10 anni ha toccato il massimo da settembre 2012 a 2,65% negli Usa e 1,96% in Ue (era 1,7% un mese fa). Il clima che si respira sui mercati è comunque positivo: Russia, Ue, Usa e Cina si stanno parlando per tentare di arginare il rialzo dell’energia e per governare nel miglior modo possibile la transizione energetica che comunque presenta non poche incognite e rischi; quello che stiamo vivendo con ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU