ACCEDI
Giovedì, 25 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

La riforma dell’IRPEF trascina le addizionali regionali e comunali

Differimento di alcuni termini per l’anno d’imposta 2022, per recepire i nuovi scaglioni di reddito

/ Carlotta GHIO e Massimo NEGRO

Martedì, 4 gennaio 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

In conseguenza della riforma dell’IRPEF, confermata dalla L. 234/2021 pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 31 dicembre 2021 e in vigore dal 1° gennaio 2022, sono state introdotte alcune modifiche alla disciplina delle addizionali regionali e comunali all’IRPEF. In particolare, i commi 5, 6 e 7 dell’art. 1 della L. 234/2021 differiscono, per l’anno d’imposta 2022, alcuni termini relativi a tale disciplina, al fine di garantire coerenza tra la stessa e la nuova articolazione degli scaglioni IRPEF.

Con riferimento all’addizionale regionale all’IRPEF le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano possono, con propria legge, aumentare o diminuire l’aliquota dell’addizionale regionale all’IRPEF di base, pari a 1,23%, con una maggiorazione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU