Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 19 maggio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Procedure concorsuali con obblighi «ridotti» per il cessionario o committente

Resta dovuta l’imposta nel caso del piano attestato o degli accordi di ristrutturazione dei debiti

/ Emanuele GRECO e Simonetta LA GRUTTA

Venerdì, 14 gennaio 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

A seguito della riforma in tema di note di variazione IVA derivanti dall’assoggettamento del cessionario o committente a una procedura concorsuale, operata dal DL 73/2021, la circolare n. 20/2021 dell’Agenzia delle Entrate ne ha esaminato i principali aspetti di interesse.
Tra questi vi è la modifica degli obblighi, ai fini IVA, in capo al cessionario o committente, previsti dall’art. 26 comma 5 del DPR 633/72.

Secondo la nuova disciplina, applicabile alle procedure concorsuali avviate “dal 26 maggio 2021”, a fronte della nota di variazione IVA emessa dal cedente o prestatore, il cessionario o committente (vale a dire il debitore assoggettato alla procedura) non è tenuto a registrare la nota di di credito ricevuta.
In termini operativi, ciò sta a significare che ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU