Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 19 maggio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Deve essere proporzionata la doppia sanzione per la dichiarazione infedele

Il giudice deve commisurare la pena tenendo conto di quella già irrogata, utilizzando, a tal fine, il criterio di ragguaglio previsto dall’art. 135 c.p.

/ Maria Francesca ARTUSI

Venerdì, 21 gennaio 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Non sussiste il rapporto di specialità tra il reato di dichiarazione infedele e le analoghe condotte sanzionate come illeciti amministrativi dagli artt. 1 e 5 del DLgs. 471/1997. La presentazione di dichiarazione infedele costituisce, dunque, un unico fatto materiale che viola due disposizioni tra loro diversamente sanzionate, allo stesso modo in cui un’unica condotta può integrare due reati diversi in concorso formale tra loro.
Così afferma la Cassazione nella sentenza n. 2245 depositata ieri, che si trova ad affrontare il tema del cumulo delle due tipologie di sanzioni.

Nel caso di specie, un soggetto era stato condannato alla pena di un anno e quattro mesi di reclusione, oltre pene accessorie, per il reato di cui all’art. 4 del DLgs. 74/2000, perché, al fine di evadere le imposte ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU