Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 30 giugno 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Perdite su crediti deducibili solo se inerenti

Se il credito è ceduto a un valore di molto inferiore a quello nominale, bisogna provare la convenienza dell’operazione

/ Luca FORNERO

Mercoledì, 26 gennaio 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con l’ordinanza n. 2229, depositata ieri, la Corte di Cassazione torna a pronunciarsi sulle condizioni che legittimano la deducibilità delle perdite derivanti dalla cessione pro soluto di crediti.
In via preliminare, i supremi giudici ribadiscono che, in presenza di un differenziale negativo, la cessione pro soluto del credito non produce una minusvalenza da realizzo, bensì una perdita su crediti. Ciò implica che la deducibilità dell’onere in oggetto debba essere vagliata alla luce dell’art. 101 comma 5 del TUIR e non in base al precedente comma 1.

Sotto tale profilo, la Suprema Corte si allinea alla posizione dell’Agenzia delle Entrate (circ. n. 26/2013, § 2 e 3), la quale riconduce nell’ambito oggettivo dell’art. 101 comma 5 del TUIR:
- sia le perdite per ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU